I nostri servizi-CO' D'ENZA s.c.s. O.N.L.U.S.

I nostri servizi

Villa Amadei
   Villa Amadei: Residenziale/sollievo

La Casa di Riposo, Casa Albergo per Anziani “Villa Amadei” in Via Rabaglia 32 a Coenzo di Sorbolo Mezzani (PR), è la prima e più importante
opera messa in atto dalla Cooperativa Sociale Co’ d’Enza. La Casa Albergo per Anziani è a carattere residenziale per ospiti autosufficienti e/o
non autosufficienti di grado lieve, con la finalità di creare un ambiente familiare. La struttura è disposta su tre piani e prevede un ambulatorio,
21 camere, bagni a norma di legge, un ampio refettorio, due spaziose sale ricreative, una cucina interna, una lavanderia con stireria, vari uffici e
una cappella consacrata con sacrestia. Vi è anche un ampio spazio esterno.

Tale struttura residenziale permette agli ospiti di soggiornare in maniera perenne, laddove l’anziano non avesse possibilità di abitare da solo 
stabilmente nella propria dimora. 
In alternativa, qualora l’ospite per problemi di salute solamente temporanei non riuscisse a provvedere a sé stesso autonomamente, potrebbe in ogni caso soggiornare in Villa Amadei per un periodo di tempo limitato, in modo tale da ricevere le cure necessarie che consentano all’anziano di recuperare a propria autosufficienza e salute.

 

Villa Amadei: Centro diurno

Villa Amadei permette inoltre agli anziani e disabili di risiedere nella struttura anche solamente nelle ore diurne, affinchè possano trascorrere
insieme le giornate in compagnia degli altri ospiti e del personale qualificato in grado di provvedere ad ogni loro esigenza.

 

Villa Amadei
REBORN: Sviluppo appartamenti semi-protetti

La questione abitativa rappresenta uno dei problemi più urgenti sul territorio nazionale. Incidendo sulla coesione sociale tale questione genera un 
impatto sull’intero sviluppo delle città e sulla crescita del paese. È necessario interpretare il disagio abitativo come un aspetto della nuova questione 
sociale che si delinea a seguito delle trasformazioni sociali ed economiche negli ultimi decenni.

L’idea è quella di creare un punto di riferimento fisso a sostegno delle comunità con la creazione di appartamenti Semi-protetti con la prospettiva del
Co-housing sociale.
Vivere in Co-housing significa vivere secondo uno stile di vita qualitativo, in equilibrio tra l’autonomia della casa privata e la società degli spazi comuni.

Il progetto di Co-housing è finalizzato a valorizzare e implementare la dimensione comunitaria, tentando di portare una sana e fluida dimensione 
comunitaria nella vita di tutti i giorni. Questo vivere a stretto contatto con gli altri che non siano soggetti anonimi (chiara percezione dell’altro come 
un essere umano in carne ed ossa, non come un fenomeno numerico ed astratto - Filippo Viola) può aiutare a sviluppare un fenomeno di cui siamo 
cronicamente carenti: l’empatia.

Per i nuclei familiari presi in carico verranno fornite diverse strade da intraprendere in base ai componenti dello stesso: sostegno alla genitorialità in collaborazione con le Assistenti Sociali di riferimento, gruppi di auto-mutuo-aiuto e percorsi individuali e di sostegno all’autonomia (compilazione del curriculum) con il supporto degli Operatori specializzati, con diverse competenze.

Il Progetto REBORN  è destinato ad adulte/i sole/i o con figli in condizione di fragilità o disagio economico ed abitativo, che necessitano di essere temporaneamente sostenute in un percorso individuale o di gruppo finalizzato al superamento delle loro difficoltà, mediante un progetto concordato
con i servizi competenti.

 

Per gli accolti verranno co-progettate diversi percorsi da intraprendere in base all’analisi dei bisogni: sostegno alla genitorialità in collaborazione con 
le Assistenti Sociali di riferimento, gruppi di auto-mutuo-aiuto e percorsi individuali e di sostegno all’autonomia con il supporto degli Operatori 
specializzati, con diverse competenze.

Sono due gli appartamenti messi a disposizione per questo progetto: Appartamento “CO-HOUSING REBORN” e Appartamento “RIFUGIO MARIA CONSOLATRICE”.

L’Appartamento “CO-HOUSING REBORN”, sito al secondo piano dell’immobile, è in grado di ospitare 3 nuclei composti da una persona sola in 
condizioni di fragilità e con lievi difficoltà fisiche e psichiche. L'immobile è sito in una zona centrale del paese, affacciato immediatamente alla viabilità
principale con area cortilizia ben delimitata da recinzione e cancelli. 
L’appartamento è dotato di montacarichi adibito al trasporto di persone che arriva direttamente all’interno di esso.

L’appartamento “RIFUGIO MARIA CONSOLATRICE” è sito al primo piano di un immobile composto da un totale di due piani, ed è in grado di 
ospitare quattro nuclei monoparentali. 
Nella zona d’ingresso della facciata è sistemata la rampa per il superamento del dislivello ed è installato
l’ascensore esterno. 
I due piani sono collegati anche da una scala interna, con ingressi indipendenti. Al Secondo piano si può accogliere un nucleo
plurifamiliare con minori a carico. 

Le persone ospitate dovranno rispettare un regolamento di convivenza, per garantire una permanenza pacifica tra gli ospiti.

L’obbiettivo del progetto è di promuovere l’evoluzione del nucleo affinchè raggiunga il massimo dell’autonomia grazie anche all’affiancamento di
personale qualificato.




 

Centro pasti

Da Settembre 2013 procediamo con l'erogazione di 30 pasti con attivazione del servizio dei trasportati ed integrazione del personale ausiliario per la Scuola Materna “Clemente e Maria Benecchi” mentre dal luglio 2014 abbiamo attivato servizio dei Trasportati per “il Porto”, centro diurno di persone con disabilità.
 

Progetti pilota

Da marzo 2014 c'è stata l'attivazione e gestione di “Progetti Pilota” in collaborazione con i Comuni della Bassa Est come:
- Inserimento nella Casa di Riposo di anziani con patologie psichiatriche seguiti dai Servizi Socio Assistenziali del Comune di residenza;

- Attivazione di appartamenti/alloggi ponte semi protetti per emergenze abitative rivolti a donne con minori o famiglie con difficoltà economiche abitative;

- Progetti di inclusione lavorativa e reinserimento sociale, come manutenzioni varie, animazione e assistenza agli anziani, e sostegno per giovani adulti autosufficienti con un passato di dipendenza, in collaborazione con SERT, CSM e REMS del distretto;

- Inserimenti abitativi di adulti autosufficienti con dipendenze e/o socialmente fragili in collaborazione con i Servizi Socio Assistenziali di riferimento (attivazione di borse lavoro e/o tirocini percorsi di autonomia, cura alla persona);

- Attivazione Tirocini in collaborazione con SILD e REMS.

- Progetto NATALE SOSTENIBILE: attivazione pista di pattinaggio in ambito comunale dove il ricavato dei biglietti è stato utilizzato per sostenere alcuni nuclei famigliari in condizioni sociali ed economiche di fragilità e finalizzato all’inclusione ed all’inserimento lavorativo.

Da luglio 2016 abbiamo avviato un ufficio web e comunicazione finalizzato all’inclusione lavorativa di ragazzi con disabilità cognitive e/o e fisiche, in collaborazione con SILD.






 

Premio Luisa Sassi
Nel gennaio 2016 siamo stati i vincitori del premio in memoria a Luisa Sassi per l’impegno concreto e la forte responsabilità sociale dimostrati nell’inserimento lavorativo di persone con disabilità della Provincia di Parma.




 

Studio medici di base

Dal 2019 con l'acquisto di un immobile sito in Sorbolo Mezzani in Via Rabaglia 12 - Coenzo abbiamo lo studio per i medici di base